La mia tesi/ My thesis

La mia tesi in solo 10 minuti!

 

My thesis in just 10 minutes! 

English

Let’s dance with Bill Haley; this is his “Rock around the Clock” ! 

 

Ladies and gentlemen this is Chuck Berry with his “Maybellene”

 

Irrisistible Elvis Presley sings “Hound Dog”. 

Italiano

La bravissima Nilla Pizzi canta “Papaveri e Papere”

 

Indimenticabile Modugno; voce ed interpretazione rivoluzionarie!

Rock is everywhere

The fabulous 1960s saw the rise of artists such as The Beatles, The Beach Boys, Bob Dylan and the Rolling Stones, “who helped transition rock and roll into the mainstream. Rock went from fad to art, with critics and controversies in tow.” It all started with The Beatles that were formed in the UK and arrived in the United States in 1964; they marked the start of the so-called British Invasion. From their debut record in 1963 Please, Please Me,to the latest albums Let it be, The Beatles redefined popular music and studio recording techniques. These four boys with their innocuous, clean-cut and white faces replaced the wild black rockers who had shocked radio stations and the consciences of half America. The unleashed and politically engaged songs of black singers were replaced by their catchy songs. In the early 1970s, philosopher Herbert Marcuse distinguished between authentic forms of revolutionary music and “contrived” music. He called black rock music “life music” and rock music adapted by white people “performance music”, in his work he says: “life music has indeed an authentic basis: black music is the cry and song of slaves and ghettos. With the takeover by the whites, a significant change occurs: white “rock” is what its black paradigm is not, namely performance. It is as if the crying and shouting, the jumping and playing, now take place in an artificial, organized space; that they are directed toward a sympathetic audience. What had been part of the permanence of life now becomes a concert, a festival, a disc in the making.”There was a shift from authenticity to “performance” and in the process, rock changed from a mode of expression (the cry and songs of slaves and ghettos) to entertainment (big concert festivals and marketing targets). This is what happened considering that The Beatles made rock popular and brought it to the top of the music charts. So extreme was the success of the “Fab Four” that wherever they went, they spread “hysteria” and excitation among their fans. During their concerts teenagers lost control and became frantic and unrecognizable, stressing the rift which was growing between older and younger generations. Beatlemania was everywhere, nobody could stop it; the world and above all young people were ready to get “crazy”, loosen up and get down. Everything changed forever and a new kind of artist was born, the “teen idol.” The Rolling Stone Encyclopaedia of Rock and Roll affirms that: “the impact of the Beatles – not only on rock & roll but on Western culture – is simply incalculable. As musicians, they proved that rock & roll could embrace a limitless variety of harmonies, structures and sounds; virtually every rock experiment has some precedent on Beatles records. Although many of their sales and attendance records have been surpassed, no group has so radically transformed the sound and meaning of rock & roll.” Furthermore, throughout the Sixties, a healthy competition between the most important artists produced many unforgettable masterpieces.  In those days, many artists were inspired by The Beatles and a common example was Pet Sound by The Beach Boys who affirmed being inspired by The Beatles Rubber Soul Album. At the same time, The Beatles said that they got the idea of introducing animal sounds in Good Morning, from Pet Sound. This album was an experimental album which gave world notoriety to The Beach Boys and made them one of the most important groups of the Sixties. This American band began its career experimenting a new and innovative style, the surf-rock. This style became a fad for younger generations and their song-manifesto Surfin’ U.S.A. contributed to accentuating the typical image of California like the beach, surfing, sun, girls and fun. Their songs weren’t protest songs like Bob Dylan’s, they didn’t mention the Vietnam War or the peace demonstrations, their world was simple and ordinary. Their hits talked about middle-class people, with them, the American dream was simply parties, beach and endless summers. This band was so original not only for its topics but also for its technique. In fact, they started the fire when they fused the harmony of their four voices following the doo-wop style and by doing so, they became the cornerstone of a new form of pop music.

Una donna “urla” la sua indipendenza

Cominciamo proprio da lei, la grande Mina che con le sue “mille bolle blu”, creerà per la prima volta sul palco di Sanremo, una frizzante atmosfera seducente mai vista prima. Lei, con addosso un abito sul filo del delirio, un colletto ricoperto da bolle blu e il suo gioco di bocca “blll” accompagnato dal gesto delle dita, lancia definitivamente un messaggio di sfida. La sua canzone-manifesto è una dichiarazione di rottura, una provocazione che nemmeno la bocciatura della giuria di esperti potrà più fermare, perché ormai “non era Mina che trasgrediva: con oltranzistica felicità, con allegra trepidazione, con un pizzico di tremore, era la società italiana che andava alla ricerca delle proprie trasgressioni”. Non c’è più dubbio, Mina è una ragazza di oggi, certo un po’ troppo spregiudicata per quei tempi, ma quando canta lei il pubblico è incantato. In una famosissima intervista fatta dalla grande Oriana Fallaci, Mina si definisce: ”Io non sono una cantante, sono una che canta”. Nella stessa intervista, Gina Mazzini, la mamma di Mina afferma che: “La generazione di Mina non sa cos’è la paura. É nata durante la guerra, ma la guerra non l’ha proprio vista. Non ha mai sofferto la fame né imposizioni ridicole. Il mondo che conosce è un mondo che guarda al successo come misura di vita, nel quale il successo può arrivare dalla mattina alla sera. Mina è l’enigma di una nuova generazione divisa dalla precedente da un invalicabile abisso.” Mina è una rivoluzione tutta al femminile ed è una delle prime donne italiane ad aver lottato con forza e tenacia per raggiunge e soprattutto affermare la propria indipendenza. Perciò, in una società prettamente maschilista, la giovane Mina viene più volte attaccata dalla stampa, con la quale non ha mai avuto un buon rapporto. 

Caso più eclatante è la censura da parte della Rai che nel 1963 decide di cancellarla dagli schermi televisivi. La cantante infatti ha dato alla luce un bambino, Massimiliano, nato da una relazione con l’attore Corrado Pani senza però essere sposati. Mina è dunque una ragazza madre e l’Italia di allora non può accettare questa situazione. Ma lei continua e con la sua voce, alle volte schizzata nel twist o sussurrata nelle canzoni più romantiche, fa perdere la testa a uomini e donne. Un esempio è la sua voce, dolce e sensuale, che canta sulle inconfondibili note di Ennio Morricone in Se telefonando (1966), facendo cadere quei tabù sull’amore che qui è totale e senza inibizioni:

  Lo stupore della notte

spalancata sul mar

ci sorprese che eravamo sconosciuti

io e te.

Poi nel buio le tue mani

d’improvviso

sulle mie

  Sì, proprio così, “le tue mani d’improvviso”. In quell’avvio dei Sessanta, c’è una Mina che si innamora abbandonandosi alla fatalità della passione, con la determinazione di una donna che sa decidere per se stessa, sbattendo in faccia al “buonsenso” una scelta stordente, impensabile.

Let’s rock and then roll!

For over sixty years, rock music has represented the most important kind of music worldwide. Its criticized and controversial style has influenced our customs for many years, remaining a powerful force in modern music. Rock has its roots in Afro-American blues, jazz and folk music. In the early 1940s, folk music became a vehicle to spread political messages to the masses. These messages were often anti-war and against racial discriminations and they paved the way for the rebelliousness of modern day rock music. The term rock and roll was first used by the rhythm and blues saxophonist Wild Bill Moore in We’re gonna rock, We’re gonna roll. The style was completely rejuvenated, in fact it sounded different and not like a blues song. The beat is up tempo and the words and rhythm of the song depict the sound and feelings of a true rock and roll song. However, rock and roll became popular in the 1950s, when rhythm and blues artists flooded to the masses due to radio DJs who were paid by record labels to play their newest artists. Artists like Chuck Berry and Elvis Presley marked the beginning of rock music and they will always represent the essence of rock and roll. Chuck Berry with his first single Maybellene,(1955) is considered the most important and well-known name related to early rock and roll music. His country and jazz inspired music can still be heard in modern rock and blues music. He made possible the passage of rock music from being labelled Race Music (music for black communities) to becoming a world phenomenon. Controversy continued with Elvis Presley. It was only when the young singer shook his lips for the first time at Milton Berle’s NBC show that the King of rock was born. For that era, the singer’s performances were scandalous; in fact when he decided to abandon his guitar and dance during his song Hound Dog(1956) he drew heavy criticisms. These two artists were complete artists. They could dance, sing and play; their performances included guitar solos and showmanship (which consists in jumps, turns and spectacular actions with a guitar). Their songs were fresh and addressed to a teenage audience. At the beginning of his career, Elvis was considered a danger for young fans, since his actions and motions stimulated sexual passions and reduced inhibitions. For the first time, people’s attention was focused not only on music, but also on appearance. A new kind of singer was born and Elvis Presley quickly became a global and unforgettable star.

 

Rivoluzione Modugno

modu

É la storia che va veloce come il vento, siamo così giunti al Festival del 1958 che si conclude con una spontanea standing ovation che il pubblico dedica  a Domenico Modugno il quale trionfa allargando le braccia e gridando vooolare”. La sua canzone primeggia su altre, quali per esempio Campane di Santa Lucia di Claudio Villa, testimoniando che lo stile classico e melodico è ormai al suo tramonto, spazzato via dall’impeto e dalla novità portata al Festival da Modugno. Nel blu dipinto di blu, scritta con Franco Migliacci diventa un inno nazionale che la fantasia popolare ribattezza Volare. Modugno viene definito il Robespierre del Festival che in poco tempo conquista la Bastiglia della canzone melodica abbattendola e avviando un processo che porterà alla nascita della canzone moderna italiana. Le novità sono tante, primo fra tutti l’amore che per la prima volta viene visto con occhi surrealisti, senza più drammi romantici e melodrammatici. Sin dal momento dell’esecuzione la rottura con il passato è immediata. La mattina dopo il Corriere della Sera giudica Nel blu dipinto di blu “più originale, più nuova e più estrosa di questo Festival: estrosa nella musica, estrosa nel soggetto”. La svolta è segnata soprattutto dal linguaggio moderno della musica e soprattutto delle parole. In Volare vengono evitati gli arcaismi quali bontà, beltà, o i caratteristici troncamenti mar, sol, sognar; di conseguenza manca la fatidica rima cuor-amor, così come il ricorso a futuri e passati remoti per avere l’accento sull’ultima sillaba, indispensabile per far rima. Migliacci afferma che nella rielaborazione del testo si è impegnato proprio ad escludere un vocabolario più letterario, parole come firmamento e lumi, o l’ulteriore inversione di blu m’ero dipinto. La canzone riscuoterà grandissimo successo proprio perché favorita dai mezzi di comunicazione che dalla metà degli anni Cinquanta permettono l’ascolto delle canzoni non solo tramite la radio, ma anche attraverso la TV e i dischi che permettono di scegliere e di acquistare i brani preferiti. L’ascolto della musica può ora essere collettivo e pubblico con il juke-box, ma anche privato e individuale grazie ai mangiadischi e al 45 giri che lancia definitivamente il mercato della discografia. Inoltre, la rivoluzione sta nel fatto che per la prima volta il pubblico non premia solo la canzone, ma anche l’esecuzione del cantante stesso, in questo caso Modugno, che ne fa un successo planetario, un inno nazionale e il terzo brano più venduto al mondo.

C’è un festival!

Gli anni Cinquanta innescano nel mondo un sentimento di rivincita e soprattutto di riconquista del tempo perso. L’Italia, così come tutto il resto del mondo, è profondamente sconvolta da una macchia d’odio e di violenza che ha colpito in maniera indelebile la nostra storia. Questa macchia senza eroi, che troppe volte ha distrutto quello che con fatica e sofferenza era stato creato, non è altro che la guerra, più precisamente La Seconda Guerra Mondiale. É il 7 maggio 1945 quando la Germania firma la resa senza condizioni, la vittoria degli Alleati è ormai sancita e il regime nazista abbattuto. La Seconda Guerra Mondiale innesca effetti storici che cambiano l’assetto del mondo finora conosciuto. Infatti porta al declino dell’Europa e all’affermazione sempre più duratura di due grandi blocchi che per lungo tempo sono stati rivali in supremazia bellica e tecnologica, stiamo parlando degli Usa e dell’Urss. Sono pochi gli avvenimenti storici che hanno avuto conseguenze così profonde e vaste da cambiare gli assetti internazionali e la vita dei singoli Paesi, innescando un cambiamento individuale e di massa. L’Italia è in cerca della propria stabilità e con forza e coraggio si risolleva, puntando a ricreare un clima di pace e serenità. È un decennio di grandi trasformazioni per la nostra società, il Paese che fino a qualche hanno prima era in ginocchio a causa della guerra, si lancia verso nuovi ed originali impulsi produttivi e creativi. È un momento di progresso e di ripresa e perciò cosa meglio di un Festival per celebrare la rinascita? É il 28 gennaio 1951 quando viene aperto il “Primo Festival della Canzone Italiana”. Il festival, conosciuto oggi come il Festival di Sanremo, nasce con lo scopo di celebrare e premiare la Canzone Italiana per eccellenza. Come vedremo, con il passar degli anni, questo obiettivo verrà mancato tante e tante volte, trasformando la celebrazione della canzone in un puro spettacolo di intrattenimento dove parole chiave come auditel, audience e apparenza sono riuscite a compromettere la qualità della canzone del Bel Paese. Ma questa è un’altra storia, infatti siamo ancora negli anni Cinquanta e la parola business non è ancora entrata nel vocabolario italiano. Si comincia perciò così, con un Festival che, piaccia o no, ha segnato il costume e la vita del nostro Paese. Regina indiscussa della prima edizione del Festival della Canzone Italiana è  Nilla Pizzi che conquista i primi due posti, portando al trionfo la canzone Grazie dei fior. A differenza di oggi, in passato era la canzone a vincere e proprio per questo un cantante poteva interpretare più di un brano. La Pizzi, più volte definita la “regina della musica italiana”, inizia la sua carriera nel 1937, all’età di 18 anni. Durante il fascismo viene allontanata dalla radio dato che la sua voce è considerata troppo sensuale. Torna ad esibirsi nel 1946 per poi legare indissolubilmente il suo nome a quello del Festival di Sanremo. Torniamo ora alla canzone vincitrice, mero esempio della canzone tradizionale italiana. Fin dal titolo ritroviamo i classici troncamenti in rima a fine parola (fior, ancor, far) così come il binomio cuor-amor, che rimandano a temi quali l’amore, l’addio e la nostalgia tipici della canzone italiana vecchia maniera che alcune volte si spingono verso limiti quasi melodrammatici. La Pizzi riconfermerà la sua capacità interpretativa con la vittoria del 1952 che le assegnerà i primi tre posti, consegnando alla musica italiana, brani che resteranno per sempre nella nostra memoria. Stiamo parlando di Vola colombaPapaveri e Papere e Una donna prega. Anche se la “colomba bianca” porta in becco la vittoria del patriottismo, è la seconda classificata a trionfare nel nostro mercato e nel mondo intero. Papaveri e Papere diventa un caso nazionale perché le vengono attribuiti messaggi politici. La canzone filastrocca recita così:

  Lo sai che i papaveri son alti, alti, alti,
e tu sei piccolina, e tu sei piccolina,
lo sai che i papaveri son alti, alti, alti,
sei nata paperina, che cosa ci vuoi far…

 Per molti la canzonetta non è altro che la testimonianza dell’arretratezza in cui si voleva intrappolare il popolo italiano, dove “il piccolino” non può elevarsi ai livelli dei “papaveri” dovendosi perciò accontentare del suo status sociale. Una lettura più approfondita vuole che la canzone sia ispirata ad un manifesto del Pci, dove gli alti papaveri rappresentano i democristiani falciati dal vento del comunismo e la “papera” è appunto il popolo oppresso, che non ha possibilità di riscatto dai “papaveri” che sono “alti,alti,alti”. Lo stesso autore Mario Panzeri afferma: “il testo di Papaveri e Papere mi è stato suggerito dalla prosopopea di certi personaggi politici. Credo che anche con una semplice canzonetta si possa fare della satira di costume.” Probabilmente l’autore non voleva caricare il testo di un tale valore politico, comunque sia, il dado è tratto e pochi anni dopo la canzone Papaveri e Papere verrà definita come “la prima canzone italiana di protesta”. É questo un grande passo avanti per la canzone nazionale che fin dai tempi del fascismo, trattava temi frivoli e disimpegnati che andavamo da melodrammi amorosi fino a temi popolari di “evasione” (Il valzer di Nonna Speranza, Cantate e Sorridete), tutto questo mentre negli Usa il jazz diventava sempre più “cool” in attesa della nascita del rock’n’roll e in Francia emergevano cantautori del calibro di Georges Brassens. Una cosa però è certa Papaveri e Papere diventa il primo grande successo sanremese internazionale. Non dovremo aspettare molti anni prima che un’altra grande canzone riesca a scuotere la musica italiana e farla letteralmente volare. Intanto siamo arrivati al 1954 e anche in Italia giunge la televisione che “fra gli anni Cinquanta e Sessanta, ha senza dubbio costituito un importante fattore di italianizzazione e un surrogato dell’educazione linguistica scolastica”. Inizia così il monopolio televisivo della Rai. Tuttavia, bisognerà aspettare l’anno seguente perché le telecamere arrivino al Festival. Sono questi gli anni della svolta per il nostro Paese; nel 1955 “nasce la “Seicento”, l’utilitaria della Fiat che insieme alle vendite rateali, dà inizio alla motorizzazione di massa e alla “modernizzazione” dei consumi.” Si afferma così il mito dell’auto per tutti, si fanno vacanze al mare e la Vespa, marchio di autenticità italiana, comincia a riscuotere grande successo, soprattutto tra i giovani, proprio perché ora sono loro i veri protagonisti. Il mondo va a tutto rock e anche in Italia “si balla intorno all’orologio” con Bill Haley e il suo unico Rock around the clockL’Italia conosce così uno straordinario “boom” economico ed accoglie con piacere uno strano negozio chiamato supermercato; si entra, si prende un carrello, si paga alla cassa e si esce con tante buste, nessuno se ne rende ancora conto ma è cominciata la globalizzazione.

Canzoni

 

Nella maggior parte dei testi di teoria musicale troviamo questa definizione: “la musica è l’arte dei suoni”, ossia l’abilità di combinare i suoni tra loro fino alla composizione di un discorso prettamente musicale. Cosa avviene se ad essa uniamo un altro tipo di comunicazione, più precisamente quella verbale? Il risultato è noto a tutti noi, parliamo infatti delle canzoni. La canzone è una composizione che nasce dall’accostamento lirico e musicale; più semplicemente, la canzone è l’espressione più sincera e spontanea del nostro essere, la quale riesce a dar voce a quei pensieri troppe volte taciuti dentro di noi. Fin dalle origini dei tempi, il suono è considerato come la principale forma di comunicazione tra gli esseri umani i quali possono farne uso attraverso lo strumento musicale più antico del mondo: la voce. Fabrizio De André, uno dei più grandi cantautori italiani affermava che: “ Il canto ha infatti ancora oggi, in alcune etnie cosiddette primitive, il compito fondamentale di liberare dalla sofferenza, di alleviare il dolore, di esorcizzare il male.”  Dalla preistoria fino ad oggi si sono susseguiti canti e musiche che hanno accompagnato la nostra storia. Le canzoni fanno da scenario agli eventi del mondo e innescano, volontariamente o involontariamente, un processo di cambiamento alle volte inevitabile. In questo lavoro si affronterà uno studio socioculturale dagli anni Cinquanta ai giorni d’oggi, lasciandosi guidare non solo da libri di storia, ma soprattutto da quei personaggi che tramite la loro voce hanno accompagnato il cambiamento. Si affronterà anche uno studio prettamente linguistico dei testi delle canzoni che con il tempo hanno subito diverse trasformazioni. Siamo tutti d’accordo sul fatto che l’unica cosa certa è il cambiamento che può essere lento, veloce, drastico, desiderato o indesiderato, comunque sia c’è ed è visibile, perché il mondo ha dovuto percorrere un lungo cammino per arrivare ad oggi. Senza il nostro passato non saremmo mai quelli che siamo oggi perciò, prima di andare avanti è bene voltare le spalle e guardare indietro. Per esempio, un ragazzo degli anni Sessanta non avrebbe mai immaginato che con un semplice “clic” del mouse si potesse avere accesso ad un vasto catalogo musicale che può esaudire qualsiasi nostra richiesta. Prima era tutto più lento, bisognava aspettare l’unico programma musicale per sentire la propria canzone preferita, sperando che questa fosse ancora nella “hit parade”, o aspettare l’uscita del 45 giri, o magari cercare di registrarla su delle “cassettine” o “nastroni” con l’aiuto del cosiddetto magnetofono, un semplice registratore. In passato l’idea di poter possedere la musica che si ascoltava alla radio era quasi un miraggio. Oggigiorno la musica è cambiata, siamo consapevoli di aver accesso a qualsiasi cosa, non ci sono barriere ed ostacoli tra noi e la nostra canzone preferita.  La canzone appartiene alla specie umana e al suo modo di vivere; la canzone è per gli uomini e le donne come il pasto quotidiano, come il sonno notturno. 

doppiareicartoni

La traduzione cinematografica nei cartoni animati

Bisirri Adriana

Ambiente ,Politica, Università,Successo

Astrambientegiovani

"Meglio essere ottimisti ed avere tutto piuttosto che pessimisti ed avere ragione"

Sport astrambiente

STAY STRONG,RUN STRONG!!

Astrambiente Politica

un nuovo modo di fare politica

Roma Mitica

Alla scoperta di un Turismo Mitico